Poesialibera


Ai confini dell’eternità
ottobre 18, 2009, 11:07 pm
Filed under: Poesie sul mondo

scogli3.jpgDove il mare si tinge d’arancio e profuma d’estate.
Dove la spuma delle onde spezza gli scogli, e lo scirocco urla nell’eco dell’immensità.
Lì dove tutto nasce, e dove tutto finisce.
Lì dove muoiono le stelle.
E’ lì che ti aspetterò.

 

Annunci


Ai dormienti
ottobre 10, 2009, 8:21 am
Filed under: Poesie sul mondo

porto1.jpg

Voi che dormite tranquilli sui vostri passi,

voi che non avete fremiti impetuosi,
voi che sostate nel silenzioso porto senza mai prendere il largo

voi che temete le onde sugli scogli e il vento avverso ai flutti,
voi che vi afferrate all’ancora dell’abitudine con tutte le vostre forze.
Voi che non vi chiedete dove l’arcobaleno abbia le sue radici,
sapete dirmi, voi, cosa sia la felicità?
E se per caso ne avete sentito parlare, ditemi se mai dal vostro porto l’avete avvistata. Essa non s’avvicina alle rive sicure,
ma gonfia le vele dei marinai che s’imbarcano alla sua ricerca.
Non è facile scoprirla, ma va a braccetto con quella cosa che chiamano “vita”.
(Venerdì, 27 luglio 2007 by Giorgia)

  



La perfezione sperata
settembre 21, 2009, 9:25 pm
Filed under: Poesie sul mondo

onde-alla-riva.jpg

Guardi i miei sogni senza parlare,
sogni a metà, senza magia
ali riflesse nella luce del mare.

Tenere carezze profumano d’amore,
non lasciarmi pensare al domani, al dolore
la ragione assassina la passione.

Se finisse il mondo adesso sarei felice, completa
non rimpiangerò l’emozione che non c’è stata.
se il mondo finisse ora, oltre questa meta,
saprò d’aver vissuto l’attimo della perfezione sperata.

domenica, 17 giugno 2007-19:47 by Giorgia



Scapperemo insieme alla fine del tempo
settembre 18, 2009, 10:24 pm
Filed under: Poesie sul mondo

ponteb3.jpg

Città diverse s’offrono senza rumori,

senza voci,

solo i respiri di tiepide luci scaldano il mattino.

Lo sguardo perso in un ponte che nei tuoi occhi non trova fine

non allontaniamoci dai confini di quel ponte.

Restiamo così, per sempre.

L’acqua sfiora la riva, sfumando rocce nel colore delle cose eterne.

Non vi è risveglio in questa quiete.

Non c’è suono in questo vento.

Scapperemo insieme alla fine del tempo.

lunedì, 04 giugno 2007-23:58 by Giorgia



La scelta
agosto 14, 2009, 8:11 am
Filed under: Poesie sul mondo

Alba

Ho camminato tra i ricordi
bussando alle soglie dell’alba
sorprendendo soli ancora assopiti tra manti di nubi gelate.

Ho raccolto fiori di sabbia dorata
per non lasciarli appassire nel vento, smarrire nel tempo.

Ho guardato più lontano di quanto mi concedesse la memoria,
emozioni rubate dalle pagine di un quaderno chiuso in un cassetto.

Un bivio, una scelta, ecco chi sono.
Non solo sangue, non solo carne,
che traccia genetica ha scelto il mio destino?

Sono io la scelta di agire,
di amare, cantare, stupirmi e gridare,
sono la scelta di combattere senza armi,
la scelta di correre anzichè camminare,
la scelta di vedere crudeltà e dolcezza dell’animo umano.
Io scelgo luci ed ombre, tracciando segni indelebili su pagine candide come la neve.

(9 ottobre, 2007 by Giorgia)



promessa dalla torre
maggio 26, 2008, 3:36 pm
Filed under: Poesie sul mondo

Conversazioni liete bussano al cospetto di Dante,

un improvviso acquazzone sorprende i passanti

infreddoliti dalla pioggia incessante.

Chi attende il ritorno del sole,

scordando che il tempo non ha senso dei limiti.

Due coraggiosi scalano la torre

ai loro piedi un Adige arrabbiato, incupito dalla pioggia.

Occhi curiosi cercano l’arcobaleno contando le terrazze

il vento soffia ostile, geloso della loro serenità.

Una promessa sancita tra le nuvole impetuose,

l’arcobaleno è invisibile,

forse celato all’interno del cuore.



Primavera
marzo 25, 2008, 5:50 pm
Filed under: Poesie sul mondo

pesco

Delicati germogli cercano i baci di un sole ritroso,

che non cede le vesti invernali per quelle primaverili.

Gli anziani, seduti sulle loro seggiole legnose, invocano la sonnecchiante bella stagione,

accanto a loro dei bimbi giocano col pallone, il tempo, loro ultimo pensiero.

Una lumaca scivola lungo un pesco non ancora in fiore,

ai suoi piedi due ragazzi si baciano teneramente stringendosi le mani.

Non ancora i giorni del caldo tepore, non ancora il tempo delle rose rosse, della passione.

Gli anziani guardano lontano scuotendo il capo,

le mamme richiamano i bimbi, la lumaca in cima al pesco spia i due giovani amanti,

non si sono accorti che ai loro piedi una margherita ha già fatto capolino.